Browsing Category:

Craft

    Il maglioncino a righe

    21 ottobre 2018

    Una delle mie mamme-Instagram preferite è Brianna Heiligenthal (@burtsbrisplease), i suoi due bambini sono simpaticissimi e sempre vestiti molto bene.
    In particolare lo scorso inverno, scorrendo tra le sua immagini, mi sono innamorata di un maglioncino a righe indossato da Amos in un’immagine. Il maglioncino è di Babaà knitwear, ma io volevo provare a farlo con le mie mani e quindi, mi sono cercata un pattern che mi spiegasse come fare le maniche alla Raglan e lo ho sferruzzato punto dopo punto.

    Amos con il maglioncino modello

    Il modello dal quale sono partita per fare il maglioncino si chiama Litte William`s Body di DROPS Design, ma lo ho modificato in diversi punti perchè:
    1. Non ho fatto un body
    2. Mi servivano solo le proporzioni per gli aumenti
    3. Il mio maglioncino è a righe e non con un motivo nordico

    Vi trascrivo le istruzioni io ho realizzato un modello taglia 12-18 mesi.
    Ma le taglie sono così distribuite 1/3 – 6/9 – 12/18 mesi (2 – 3/4) anni, corrispondenti ad un’altezza in cm: 56/62 – 68/74 – 80/86 (92 – 98/104)

    Materiali
    Lana Witico by Arvier
    – Bianco (cod 100) 200 grammi
    – Blu scuro (cod 610) 50 grammi
    – Ferri circolari (60 cm) 2,5 lungo almeno 60cm
    – Ferri circolari (60 cm) 2 lungo almeno 60cm per le coste
    – 3 bottoni (io li ho usati di legno)
    – Ago per cucire la lana

    Lavorazione
    Considerate che si parte dall’alto, dove (sul dietro) c’è un apertura che verrà chiusa con un bottone, le testoline dei bimbi faticano sempre a passare per tutti i colli e colletti.

    SPRONE
    Si lavora inizialmente avanti e indietro sui ferri e poi in tondo, dall’alto verso il basso iniziando dal collo.

    Avviare 49-57-65 (73-81) m sui ferri circolari n° 2 con il filato bianco.
    Lavorare a coste avanti e indietro (1° ferro = diritto del lavoro) come segue: * 1 m a dir, 1 m a rov *, ripetere da *-*, lavorare a dir l’ultima m sul ferro.
    Quando le coste misurano ca. 1 cm, lavorare il ferro successivo a dir sul rovescio del lavoro – allo stesso tempo, aumentare 7-9-11 (13-15) m in modo uniforme = 56-66-76 (86-96) m.

    Al ferro successivo (= diritto del lavoro), passare ai ferri circolari n° 2,5 e lavorare come segue: 1 m a dir (= centro sul dietro), 7-9-12 (14-16) m a dir (= dietro destro), 1 m a dir, inserire un segno in questa m, 8-9-8 (9-10) m a dir (= manica destra), 1 m a dir, inserire un segno in questa m, 20-24-30 (34-38) m a dir (= davanti), 1 m a dir, inserire un segno in questa maglia, 8-9-8 (9-10) m a dir (= manica sinistra), 1 m a dir, inserire un segno in questa maglia, 7-9-12 (14-16) m a dir (= dietro sinistro), 1 m a dir (= centro sul dietro) = in tutto ci sono 4 m con i segni prima degli aumenti per il raglan.

    Proseguire a maglia rasata – allo stesso tempo aumentare al ferro successivo, sul diritto del lavoro, 1 m da ciascun lato di tutte le m con il segno = ad ogni ferro con aumenti, vengono quindi aumentate 8 m. Ripetere questi aumenti sul diritto del lavoro ogni 2 ferri per un totale di 12-12-12 (13-15) volte, poi ogni 4 ferri per un totale di 2-3-4 (4-4) volte.

    Quando il lavoro misura 8-9-9 (10-10) cm dal ferro di avvio, avviare 4 m alla fine del ferro successivo sul rovescio del lavoro (= m della parte inferiore dell’apertura del collo; vanno lavorate seguendo il motivo) – Da qui in avanti, lavorare in tondo sui ferri circolari.
    Quando sono stati effettuati tutti gli aumenti, sui ferri ci sono 172-190-208 (226-252) m.

    Davanti = dietro = 48-54-62 (68-76) m. Mettere in attesa su un fermamaglie le m per le maniche e le m con i segni 38-41-42 (45-50) m per ogni manica. Separare ora il lavoro; lavorare separatamente il davanti+dietro e le maniche.

    DAVANTI + DIETRO
    È a questo punto che si inizia a lavorare disegnando le righe seguendo questo schema: 4 righe bianche, 3 righe blu – iniziando però con 8 righe bianche.
    Davanti + dietro = 96-108-124 (136-152) m. Proseguire in tondo sui ferri circolari (il giro ha inizio su un lato).
    Al giro successivo avviare 4 m per lo scalfo, lavorare 48-54-62 (68-76) m (= davanti), avviare 8 m per lo scalfo, lavorare 48-54-62 (68-76) m (= dietro), avviare 4 m per lo scalfo = in tutto sui ferri ci sono 112-124-140 (152-168) m.
    Quindi aumentare 0-4-4 (8-8) m in modo uniforme = 112-128-144 (160-176) m. Proseguire finché il lavoro non misura 14-16-18 (20-22) cm dagli scalfi.

    Lavorare a coste  come segue: * 1 m a dir, 1 m a rov *, ripetere da *-*, per un cm circa. Il lavoro misura in tutto ca. 26-29-32 (35-38) cm.

    MANICA
    Si lavora in tondo (se preferite potete usare i ferri a doppia punta 2,5), dall’alto verso il basso. Passare le m messe in attesa sul ferma maglie, sui ferri = 38-41-42 (45-50) m e avviare 8 m al centro, sotto la manica = 46-49-50 (53-58) m. Inserire un segno prima della prima m del giro e spostare il segno verso l’alto man mano che si lavora (il giro inizia al centro, sotto la manica).

    Anche per la manica seguire lo schema 4 righe bianche, 3 righe blu – iniziando sempre con 8 righe bianche.
    Quando la manica misura 2-3-3 (3-3) cm, diminuire 1 m prima e dopo il segno.
    Ripetere le diminuzioni ogni 1½-1½-2 (2½-2½) cm per un totale di 7-7-7 (6-8) volte = 32-35-36 (41-42) m.

    Proseguire finché la manica non misura 12-15-18 (20-23) cm dallo scalfo.

    Al giro successivo, diminuire 0-1-0 (1-0) m = 32-34-36 (40-42) m.
    Passare ai ferri a doppia n° 2 e lavorare a coste ( 1 m a dir / 1 m a rov) per 3-3-3 (4-4) cm. Chiudere le m senza stringere troppo il filo.

    BORDO SUL DIETRO
    Con i ferri n° 2 e il filato bianco, riprendere ca. 21 – 25 m sul diritto del lavoro, lungo l’apertura sul dietro destro. Lavorare a coste ( 1 m a dir / 1 m a rov) avanti e indietro, per ca. 1½ cm (= bordo destro; 1° ferro = rovescio del lavoro). Chiudere le m senza stringere troppo il filo.

    Ripetere lungo l’apertura sul dietro sinistro, ma al 2° ferro (= diritto del lavoro) chiudere le m per le 3 asole, distanziandole in modo uguale ( 1 asola = 1 m gettata, 2 m insieme a dir). Quando le coste misurano ca. 1½ cm, chiudere le m senza stringere troppo il filo.

    Collocare il bordo con le asole sopra l’altro bordo nella parte inferiore dell’apertura del collo e cucire passando attraverso entrambi gli strati.

    CONFEZIONE:
    Cucire le aperture sotto le maniche. Cucire i bottoni sul bordo destro dell’apertura del collo.

    Considerate che tutte le misure sono approssimative, e se aveste dei dubbi contattatemi ovviamente.

    We are knitters

    14 settembre 2018

    Come probabilmente già sapete sono un’accanita sferruzzatrice, per questo motivo ho deciso di testare un kit di We are knitters e vedere se effettivamente fossero proprio per tutti.
    Per non cimentarmi in progetti faraoinici ho scelto un kit livello facile, per realizzare un turbante per l’inverno: caldo e fatto con amore.

    Ma prima di tutto cos’è We are knitters?
    We are knitters nasce dall’idea di María José e Alberto, promotori del rilancio del lavorare a maglia come terapia per riconquistare la fiducia in sé e non solo.
    María José e Alberto durante un viaggio a New York, con grande sorpresa hanno visto una donna in metropolitana impegnata a lavorare a maglia, lì hanno capito che era arrivato il momento riproporre in chiave moderna un’attività considerata per vecchie signore.

    We are knitters, il kit

    Il kit
    In effetti come dicono sul sito: include tutto ciò di cui hai bisogno per lavorare a maglia.
    Nel mio c’erano:
    . 2 gomitoli di lana 100% Baby Alpaca da 50 grammi
    . una coppia di ferri in legno di faggio misura 5mm
    . le istruzioni per seguire il pattern (in diverse lingue)
    . 2 aghi per cucire la lana
    . 2 buste di carta (una è quella del packaging)
    . un set di adesivi
    Tutti i materiali sono di ottima qualità, la lana è morbidissima e i ferri sono resistenti e piacevoli al tatto.

    Mi sono messa all’opera e in alcune sere ho completato senza alcuna difficoltà il mio turbante.
    Ovviamente nel pattern non sono spiegati i punti (che io sapevo già fare), ma per chi dovesse imparare c’è un’apposita sezione del sito con tutte le istruzioni necessarie: come avviare le maglie, come fare il dritto e come il rovescio etc etc

    Il risultato finale

    Dal mio punto di vista potrebbe essere un ottimo regalo per un’amica che vorrebbe approcciarsi al lavoro a maglia o all’uncinetto.
    Il kit contiene tutto e i prodotti forniti sono veramente di qualità, si possono scegliere i diversi livelli di difficoltà,  quindi è adatto proprio per tutti.

    Ricordatevi sempre che un’ora di knitting, dal punto di vista mentale, corrisponde ad un’ora di yoga o di meditazione: ripetere movimenti precisi e sempre identici a se stessi, ha lo stesso effetto di un mantra rilassante. Vi posso assicurare che è vero. Ora che arrivano lunghe serate sul divano, perché non cimentarsi in un’attività rilassante per realizzare qualcosa di utile se o per la casa?

    Un progetto nuovo nel quale potrei cimentarmi è l’arm knitting, non lo ho mai fatto e potrebbe essere per me qualcosa di nuovo.

    Se volete fare acquisti su We are knitters usate questo codice MGM5W1TWZ al momento del Check Out, riceverete un buono del valore di 10€ sul primo acquisto.