Una casa a basso impatto ambientale a Sidney

8 Giugno 2020

L’architetto e proprietario Mathew Mariani (di Studio Haptic) ha trasformato un cottage con 3 camere da letto in una casa famiglia di 132mq a Leichhardt nei sobborghi di Sidney.
La casa Leichhardt Machiya prende ispirazione dalla tipologia di case Giapponesi chiamate Machiya, tipiche della zona di Kyoto.

‘Tradizionalmente la casa machiya di Kyoto ha uno spazio pubblico, di lavoro sul fronte della casa, con un’area privata nello spazio sul retro’ spiega il proprietario nonchè architetto Mathew.
Seguendo lo schema delle case giapponesi è quindi possibile ottenere una gerarchia degli spazi piuttosto precisa, l’area pubblica e quella privata sono separate da un giardino.

La struttura originaria aveva sul fronte strada l’aspetto di un fienile, gli architetti hanno deciso di mantenere questa forma aggiungendo dei pannelli a doghe in legno in orizzontale (Koshi) che rendono la facciata uno spazio privato. Ma quando vengono aperti, questi rivelano la casa sulla strada rendendo lo spazio dell’ufficio semi-pubblico.

Appena oltre la facciata si può trovare un giardino di passaggio che viene vissuto come una stanza/giardino a doppia altezza.
Le grandi pareti scorrevoli in vetro rendono lo spazio aperto e molto flessibile. Dalle vetrate fisse invece è possibile vedere lo skyline della città.
‘Volevamo una casa che fosse in grado di aprirsi all’esterno e allo stesso tempo di chiudere facilmente e consentire la privacy dei quartieri circostanti nel denso centro città’, afferma Mathew.

Un aspetto interessante è l’utilizzo della luce e dei colori che amplificano la dimensione degli spazi: le parti strutturali sono nere, il legno è per pavimenti e pannelli separatori e il bianco delle pareti.
Il risultato è una casa flessibile e piena di luce che riduce al massimo gli ingombri.

Share:
Previous Post

Magari ti interessa

Leave a Reply