Minimalismo

28 luglio 2018

Un tema che mi sta appassionando moltissimo in questo periodo è quello del minimalismo e del decluttering, chi mi segue su Instagram sa ho iniziato e poi abbandonato una sorta di dieta secondo la quale ogni giorno elimini ciò che non usi da mesi etc etc (declutter).
Più in là magari condividerò un pdf con un calendario abbastanza ottimizzato per fare il fantomatico repulisti di casa, altro che pulizie di primavera! Ma prima di condividervelo devo capire se sia meglio un calendario o una lista.

Ma torniamo al minimalismo.
Direi che si tratta di un vero e proprio stile di vita, senza grossi compromessi, se non lo avete visto e non sapete cosa guardare sta sera, su Netflix c’è un documentario dal titolo Minimalism, appunto. Secondo Ryan e Joshua, i due autori, si può vivere felicemente con meno di 100 oggetti. Si tratta chiaramente di una provocazione, ma forse al giorno d’oggi aspirare ad una riduzione degli oggetti posseduti potrebbe fare bene alla nostra salute mentale, ai nostri portafogli, al nostro ambiente e anche chi fa le pulizie in casa.

L’idea mi affascina, anche se la trovo poco percorribile in maniera così radicale dalla mia famiglia, io e Andrea siamo degli accumulatori, e non credo una casa vuota e priva di colori (ma soprattutto ordinatissima) ci possa rappresentare. Anche se personalmente le adoro, ma non sono sicura che ci potrei vivere

Dal mio punto di vista la domanda che ci si deve porre prima di iniziare ad eliminare sacchi di vestiti e elettrodomestici è: chi voglio essere, quale immagine voglio avere di me stesso?
Se voi avete già la risposta allora potete iniziare il viaggio che vi porterà attraverso la fase dell’eliminazione del superfluo (con il metodo Marie Kondo ovviamente), ma anche della selezione degli oggetti che vi circonderanno, perché una volta entrati nel mondo del minimalismo non ci si potrà più permettere di comprare qualcosa di scarsa qualità o per noia, il rischio sarebbe altrimenti di ritrovarsi nel giro di breve tempo al punto iniziale.

Vi lascio alcuni link/titoli che potrebbero essere d’ispirazione:
Fai spazio nella tua vita. Come trovare la felicità con l’arte dell’essenziale di Fumio Sasaki
Less: A Visual Guide to Minimalism di Rachel Aust, per chi come me ha piacere a vedere qualcosa ben impaginato – deformazione professionale.
My Minimalist Wardrobe un video YouTube che sintetizza come gestire il guardaroba
Matt Davella, il regista di Minimalism, che dopo il documentario Minimalism si è appassionato al tema
6 Popular Decluttering Methods for Minimalism, per chi volesse iniziare

Se decidete di iniziare a vivere Minimal ditemelo, sono curiosa di leggere le vostre esperienze.

Previous Post Next Post

Magari ti interessa

Leave a Reply